Corso Buenos Aires a Milano sempre più e solo fashion street

Un mall sulla falsariga delle gallerie commerciali extra-urbane: questo sta diventando la milanesissima Corso Buenos Aires, la seconda strada commerciale d’Europa per lunghezza e numero di negozi. Sta sparendo tutto, fuorché i megastore dell’abbigliamento. Lo aveva anche preconizzato a Mark Up Pietro Malaspina in un’intervista a tutto campo su centri commerciali e futuro del commercio.
A conferma di questa tendenza alla "mallification" delle grandi vie centrali italiane, fenomeno di per sé non necessariamente negativo se osservato sine studio ac ira alla luce delle attuali dinamiche socio-economiche, ricordiamo la recentissima chiusura di due storiche librerie milanesi (la Puccini e l’Emporio del Libro) che hanno lasciato il posto a due insegne internazionali dell’abbigliamento, una delle quali del gruppo Calzedonia.
La causa principale (o uno dei motivi scatenanti) di queste chiusure sono gli affitti: sovente insostenibili per gli esercenti storici, e per certe categorie commerciali come appunto le librerie. E succede un altro fenomeno curioso: anche le insegne moderne, per Millennials delocalizzano i negozi da Buenos Aires ai centri commerciali.

read the full article: https://www.mark-up.it/corso-buenos-aires-a-milano-sempre-piu-e-solo-fashion-street/