Le auto senza conducente di Google entrano nella flotta di Uber

Tecnologia 27/08/2013 Le auto senza conducente di Google entrano nella flotta di Uber La start up di San Francisco, che permette di noleggiare un taxi di lusso via app, quest’anno ha debuttato anche a Milano e Roma roma Si saldano sempre di più i rapporti tra Google e Uber, il servizio di trasporto privato a metà tra taxi e noleggio attivo in tutto il mondo, anche a Milano e Roma, che si prenota con un’app. Dopo che il colosso californiano ha investito nell’azienda, Uber si impegna a comprare da Big G 2500 automobili «driveless», senza conducente che Google sta testando da diverso tempo. Inoltre, le due società condivideranno dati del trasporto locale, per migliorare l’algoritmo mappe. Le automobili senza conducente di Google sono l’ultimo sforzo del colosso californiano per produrre veicoli completamente elettrici e autonomi. Il modello a cui si fa riferimento nell’accordo è il GX3200, la terza generazione di veicoli che Mountain View sta testando da cinque anni. Erano anche in mostra quest’anno all’Auto Show di Detroit. In questo genere di veicoli Uber investirà 375 milioni di dollari, come riferisce il sito TechCrunch. Uber è stato creato nel 2009 da Garrett Camp e Travis Kalanick e lanciato un anno dopo negli Usa. L’ex start-up è oggi valutata oltre 3 miliardi di dollari e con una crescita a ritmi elevati (circa del 15% al mese). (Ansa)